fbpx
Account
Please wait, authorizing ...
×
La Seconda guerra mondiale: Le ragioni delle vittoria degli alleati

La Seconda guerra mondiale: Le ragioni delle vittoria degli alleati

170 0 2 0 4
La Seconda guerra mondiale: Le ragioni delle vittoria degli alleati

Risorse atis

Categoria
Epoca storica
Luogo

Archivio didattico

Il modulo didattico affronta le cause materiali della vittoria degli Alleati.

Scopo del breve lavoro (2h lezione) è far riflettere gli studenti sulle cause del prevalere degli alleati nel corso della Seconda guerra mondiale. 

Nell’itinerario si mette l’accento sulle capacità industriali e sulla produzione bellica, come fattori determinanti della vittoria alleata.  Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica messi a confronto con Germania e Giappone hanno una maggiore capacità di produrre armi su scala industriale. Gli allievi sono indotti a riflettere sull’esito di una guerra che coinvolge delle società industrializzate; guerra che diviene totale e conflitto di massa. Ciò ha delle conseguenze sulle società coinvolte, poiché tutte le risorse di tali società sono messe al servizio del conflitto e i civili in quanto manodopera, ne divengono parte in causa.

Nella seconda parte della lezione l’accento è messo ancora sulla produzione bellica, dal punto di vista industriale, ma anche sui bombardamenti aerei e sulle sue conseguenze sulle popolazioni civili. Anche in questo caso a prevalere sono le società meglio organizzate e in grado di produrre su scala industriale il maggior numero di aviogetti. Nel contempo, nella guerra, i civili sono sempre più coinvolti e considerati come meri obiettivi militari o come massa di manovra da sfruttare.

Dal punto di vista metodologico gli allievi eserciteranno la capacità di analizzare dei grafici. I grafici sono delle rappresentazioni particolari di serie di dati statistici. È obiettivo essenziale per gli allievi di quarta media saper leggere tali rappresentazioni e riflettere sulla loro importanza nell’ interpretazione della realtà.

Attività proposta:

Agli allievi saranno consegnate delle schede con i grafici e una serie di domande che permettono di guidare la riflessione. Dopo una breve introduzione, gli allievi analizzeranno un primo grafico sull’evoluzione della produzione bellica di Usa, Urss, Gb, Giappone e Germania, rispondendo alle domande. Seguirà una discussione e una prima sintesi parziale.

In seguito gli allievi analizzeranno altri due grafici, rispondendo ad un ulteriore serie di domande: il primo grafico illustra la produzione di aviogetti da parte di Gb, Usa e Germania, il secondo mette in evidenza l’entità dei bombardamenti aerei rispettivamente su Gb e Germania dal 1940 al 1945. Seguirà una discussione, una sintesi parziale e poi generale dell’attività.

L’itinerario può essere completato con un’analisi di una tabella mostrante il numero di vittime civili e militari durante la Seconda guerra mondiale, in modo da rendere coscienti gli allievi delle conseguenze umane della guerra totale nei paesi industrializzati.

La seguente unità didattica fa parte dello speciale dedicato a "La Guerra e la Svizzera".

Allegati

  • Descrizione
    Dimensione
    Tipo File
    Download
  • Cause vittorie alleati_Piano_lezione
    21 KB
    docx
    13
  • Cause vittorie alleati_Piano_lezione
    45 KB
    5
  • Cause vittorie alleati_MDidattici
    1 MB
    docx
    13
  • Cause vittorie alleati_MDidattici
    1 MB
    7

ATIS - INFORMAZIONI GENERALI

L'Atis, Associazione ticinese insegnanti di storia, è nata il 2 ottobre 2003 con l'obiettivo di riunire i docenti di storia della Svizzera italiana di tutti i gradi di scuola.

L'Associazione promuove la riflessione e il dibattito sull'insegnamento della storia e sulle diverse correnti storiografiche.

Difende la professionalità dell'insegnante di storia nell'ambito di una scuola sempre più messa sotto pressione dalle esigenze di una società dominata dalle leggi del rendimento economico.

Associazione ticinese degli insegnanti di storia - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - https://www.atistoria.ch