fbpx
Account
Please wait, authorizing ...
×

"Gioco delle parti: arrabbiati contro indignati", Corriere del Ticino, 21 settembre 2010

Hot
CA
5171 0 1 0 0
"Gioco delle parti: arrabbiati contro indignati", Corriere del Ticino, 21 settembre 2010

Il Corriere del Ticino di martedì 20 settembre 2010 pubblica un intervento del direttore del giornale Giancarlo Dillena dal titolo "Gioco delle parti: arrabbiati e indignati" in replica alla presa di posizione di Martino Rossi apparsa nello stesso giorno.

LA REPLICA

Gioco delle parti: arrabbiati e indignati

di Giancarlo Dillena

«Condivido diverse considerazione di Martino Rossi. Non di meno resto sostanzialmente della mia opinione. Non ci casco nella trappola. Poiché di trappola si tratta, secondo uno schema che è sempre quello. Da una parte gli arrabbiati, che non appena registrano un calo di attenzione nei loro confronti alzano i toni e lanciano invettive in toni truculenti contro il bersaglio di turno. Dall'altra gli indignati, con reagiscono con pavloviana tempestività gridando allo scandalo, all'imbarbarimento, alla nostalgia delle svastiche e chiedono a tutte le persone per bene di allinearsi con loro nel vituperio di tanta brutale volgarità. […]»

Scarica l'articolo completo in formato PDF:

Downloads:
pdf"Gioco delle parti: arrabbiati contro indignati", Corriere del Ticino, 21 settembre 2010 HOT
DateSabato, 26 Maggio 2012 11:40
File Size 107.55 KB
Download 3.982

ATIS - INFORMAZIONI GENERALI

L'Atis, Associazione ticinese insegnanti di storia, è nata il 2 ottobre 2003 con l'obiettivo di riunire i docenti di storia della Svizzera italiana di tutti i gradi di scuola.

L'Associazione promuove la riflessione e il dibattito sull'insegnamento della storia e sulle diverse correnti storiografiche.

Difende la professionalità dell'insegnante di storia nell'ambito di una scuola sempre più messa sotto pressione dalle esigenze di una società dominata dalle leggi del rendimento economico.

Associazione ticinese degli insegnanti di storia - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - https://www.atistoria.ch